NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

A Vasto, un nuovo monumemto al lavoro italiano nel mondo

Nel 1996 da un’idea di Silvio Petroro presidente dell’Associazione Pro Emigranti e Vince Scurria consigliere del comune di Perth nasce una nuova iniziativa.

Un monumento a Vasto da realizzare con un grosso macigno in quarzo proveniente dalle miniere di oro di Karlgoorlie, a ricordo del lavoro italiano proprio in quelle miniere. Un “segno tangibile del legame tra l’Italia e l’Australia”. Il 12 febbraio 1996 il masso del peso di 4,5 tonnellate è caricato su una nave in partenza per Genova.

Dopo 40 giorni è a Vasto. Il prof. Carlo Alberto Di Stefano riesce ad incidervi il nostro golfo ed il continente australiano.

Viene collocato all’inizio del viale della villa Comunale sopra una struttura che dà un movimento rotatorio e viene inaugurato il 3 agosto 1996, alla presenza dell’Ambasciatore australiano in Italia Joseph Lance e altri ospiti provenienti dall’Australia.