NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Festa del ritorno

Ogni anno a Vasto, nel pieno della stagione turistica, la prima domenica di agosto si celebra la “Festa del Ritorno”. Da oltre 30 anni si rinnova questa tradizione, ovvero una giornata dedicata ai tanti figli di questa terra emigrati nei diversi paesi del mondo e che nella loro Città di origine si ritrovano nel pieno dell’estate dopo anni trascorsi all’estero. L’intuizione di questa Festa fu del compianto prof. Angelo Cianci, giornalista direttore di “Vasto Domani”, il giornale dei vastesi nel mondo, il quale parlando con Silvio Petroro e con
Ezio Pepe “Zì Culucce”, lanciò l’idea che ben presto si tramutò in realtà. Le prime edizioni si svolsero all’interno del cortile di Palazzo d’Avalos. Poi, con il crescente numero di presenze, gli organizzatori si videro costretti a trasferire la manifestazione all’interno dell’Arena Comunale “Alle Grazie”.
Tanti gli emigranti che sono saliti su quel palco, come tanti sono stati i politici, gli amministratori, gli artisti, i cori che hanno animato ogni anno la indimenticabile serata che è stata sempre preceduta dalla celebrazione di una
Santa Messa in memoria di quei Vastesi che non hanno fatto più ritorno nella loro terra natia.
Memorabili le prime edizioni con i collegamenti telefonici in diretta con gli emigranti residenti in Australia, in Canada e nel Sud America.
Quest’anno la “Festa del Ritorno” sarà dedicata ai graditi ospiti australiani presenti in questi giorni in mezzo a noi.