NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Come nasce il gemellaggio con la città di Perth WA

Perth, secondo stime più o meno ufficiali, vivono circa 7.000 vastesi (che giungono a 14.000 se si contano anche i vastesi di seconda e terza generazione).
Il Vasto Club – che nel 1985 ha rafforzato la sua presenza con la costruzione della grande sede da decenni ha riunito la grande famiglia di connazionali.
Nel 1988 Silvio Petroro – già attivo con i “Ponti dell’Amicizia” con le comunità di Vastesi all’estero partecipa al Bicentenario dell’Australia come delegato italiano ed ha l’opportunità di incontrare i rappresentanti delle istituzioni, molti dei quali di origine italiana. Intuisce che il gemellaggio si può fare e convince il sindaco di Vasto Antonio Prospero ad avanzare formale richiesta. Ci fu un anno di lavoro capillare, di contatti, di telefonate, di fax per far approvare questa delibera da Consiglio Comunale di Perth. Decisiva è l’amicizia tra Petroro e il consigliere di Perth Vince Scurria, il quale nei suoi interventi presso la giunta e le commissioni fa pendere la bilancia dalla parte di Vasto rispetto ad altre cit- tà che avevano chiesto il gemellaggio.
Il 16 maggio 1989 il sindaco di Perth Charles F. Hopkins comunica ufficialmente al sindaco Prospero che è stato approvato il gemellaggio. Grande soddisfazione da parte di Silvio Petroro, del presidente del Vasto Club Paolo Del Casale, e di tutti i vastesi di Perth.