NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Referendum costituzionale del 29 marzo 2020, opzione degli elettori residenti all'estero per l'esercizio del diritto di voto in Italia

In occasione del referendum costituzionale del 29 marzo 2020, gli elettori italiani residenti all’estero voteranno per corrispondenza, ai sensi della legge 27 dicembre 2001, n. 459 e del relativo regolamento di attuazione, approvato con D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104. La predetta normativa fa comunque salva la possibilità di votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione da esercitare entro l'8 febbraio 2020 .L'opzione dovrà pervenire entro il termine sopraindicato all'Ufficio consolare di appartenenza.A tal fine, è possibile utilizzare il modello predisposto dal Ministero degli Affari Esteri e reperibile presso i Consolati nonchè sul sito www.esteri.it Chi opta per il voto in Italia non potrà usufruire di alcun rimborso per le spese di viaggio sostenute, ma solo delle agevolazioni tariffarie previste sul territorio italiano.