NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Riserva Marina di Vasto, presentato il “Disciplinare per la riqualificazione e il ripristino ambientale e riduzione della frammentazione"

dd.jpg

 Questa mattina il gruppo di lavoro della Riserva Naturale di Marina di Vasto ha presentato agli operatori turistici confinanti con l'area protetta il "Disciplinare per la riqualificazione e il ripristino ambientale e riduzione della frammentazione". Questo studio consentirà al Comune di Vasto e alle attività turistico-ricettive una migliore gestione ordinaria e straordinaria dell'area protetta, rendendo operative le misure di conservazione degli habitat dunali previste dal Piano di Gestione dell'Area Sic approvato dalla Regione Abruzzo nei mesi scorsi. 

La finalità è quella di garantire la tutela ambientale e, allo stesso tempo, una migliore fruizione turistica della Riserva. 

In rappresentanza della gestione della Riserva di Marina di Vasto (IAAP, WWF e Legambiente), erano presenti Andrea Natale, Giuseppe Di Marco, Michele Ciffolilli, Francesco Iannotta, Paolo Franchella e la Dott.ssa Maria Carla de Francesco del Centro Studi D.E.M.E.T.R.A che ha collaborato, con l'Università degli Studi del Molise e con lo IAAP, alla stesura del documento. 

L'assessore alle politiche ambientali e del territorio con delega alle aree protette Paola Cianci: "In un anno e mezzo abbiamo costruito un lavoro di squadra e creato le basi per uno scenario di sostenibilità ambientale della nostra città dove si incastrano bellezze naturalistiche dell'aria sic con infrastrutture esistenti come la pista ciclabile e di nuova realizzazione come il percorso pedonale. La valorizzazione della Riserva, nei suoi aspetti della conservazione e della promozione, è una missione dell'Amministrazione comunale e stiamo iniziando a raccogliere i primi risultati grazie anche al coinvolgimento dei portatori di interesse. Ci saranno ulteriori incontri di approfondimento sulle diverse specificità".