NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

L’ultimo miglio ferroviario Stazione Porto di Vasto - Banchina Porto inserito nel programma quadriennale di RFI  

 

Rete Ferroviaria Italiana ha confermato all’Amministrazione Comunale di Vasto che il progetto Stazione Porto di Vasto – Banchina Porto di Punta Penna è inserito nel programma quadriennale degli interventi da realizzare anche lungo la dorsale adriatica. 

Un investimento di ben 15 milioni di euro per la realizzazione di un binario che dalla stazione Ferroviaria Porto di Vasto consentirà di raggiungere le banchine del bacino portuale vastese. Un’opera attesa dalle tante aziende insediate nelle diverse aree industriali della Provincia di Chieti e del vicino Molise, che utilizzano o hanno intenzione di utilizzare lo scalo portuale vastese per il movimento delle merci. 

Un’opera - ha dichiarato l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Vasto, Giuseppe Forte - attesa soprattutto dalla SEVEL di Val di Sangro che già oggi carica dalle banchine del Porto di Punta Penna i furgoni prodotti e destinati ai mercati del Nord Europa e dell’Asia. Ieri, incontrando a Bari l’ing. Roberto Laghezza, responsabile della Direzione Commerciale, Sviluppo e Commercializzazione Territoriale Centro Sud Adriatica di RFI, ho avuto modo di verificare la concretizzazione del progetto che dalla fase progettuale dovrà poi passare alla conferenza dei servizi con l’interessamento di tutti gli enti coinvolti”. 

La realizzazione dell’ultimo miglio ferroviario, sostenuta dalla Giunta Regionale guidata da Luciano D’Alfonso - ha aggiunto il sindaco Francesco Menna - consentirà un miglioramento del trasporto delle merci con notevoli vantaggi per il traffico che oggi interessa la Statale 16 Adriatica e con benefici effetti sull’ambiente con una notevole riduzione delle emissioni di gas inquinanti”. 

Va ricordato che nei mesi scorsi una ditta ha già realizzato le operazioni di carotaggio dei terreni interessati dall’attraversamento della linea ferroviaria che, in base alle indiscrezioni trapelate, dovrebbe vedere la realizzazione anche di un tratto in galleria sotto il promontorio di Punta Penna.