NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Forum delle Città dell’Adriatico e dello Ionio: apre lo Sportello nel Comune di Vasto

 

 

Finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del progetto “AI- NURECC Initiative”, aprirà a Vasto entro il mese di Novembre 2018 uno sportello informativo sulla strategia Europea per la Regione Adriatico Ionica.

Il nuovo servizio, reso possibile dalla collaborazione con il Segretariato di Ancona e con le Città dei paesi membri del FAIC (Forum of Adriatic and Ionan Cities), sarà ospitato negli spazi di un ufficio dedicato presso Palazzo d’Avalos a Vasto e sarà attivo per circa un anno. Lo sportello svolgerà attività di front e back office facendo disseminazione nel territorio riguardo la strategia EUSAIR, offrirà inoltre supporto alla progettazione europea del FAIC su temi ed attività

complementari e coerenti con quelle del progetto AI-NURECC e sulle opportunità europee nell’area adriatico ionica per enti locali, imprese, giovani, terzo settore, ed Università.

Ad anticipare la notizia il Sindaco Francesco Menna (Presidente del FAIC) e l’Assessore alle politiche europee Anna Bosco, delegata ai rapporti con il Forum. 

Sono felice che la nostra Città - ha dichiarato Francesco Menna - possa raccogliere i frutti del lavoro che stiamo portando avanti con le politiche europee nell’ambito del biennio di Presidenza del FAIC 2017-2019 e che permetterà di vedere a breve lo sportello FAIC pronto per iniziare le sue attività nella sede di Vasto”. 

Una volta attivato, lo sportello - ha concluso l’Assessore Anna Bosco - potrà essere di utilità in diversi ambiti, innanzitutto nell’obiettivo di promuovere dialogo ed una solida collaborazione tra diversi attori: Regioni, autorità locali, Università, Camere di Commercio, associazioni giovanili e società civile in generale. Inoltre l’attività dello sportello sarà di riferimento per diversi paesi tra cui Italia, Albania, Bosnia, Grecia, Croazia, Italia, Montenegro e Slovenia e permetterà di fare corretta informazione anche sul lavoro svolto”.

faic-2.jpg